Abstract delle relazioni sull’evento “Romano Guardini ieri e oggi: persona, incontro, cultura “

Abstract delle relazioni sull’evento “Romano Guardini ieri e oggi: persona, incontro, cultura “

La planta central en edificios católicos y protestantes. Simbolismo, tradición e innovación para la renovación de la arquitectura religiosa del siglo XX

di: María Diéguez Melo

The central plan in Catholic and Protestant buildings. Symbolism, tradition and innovation for the renovation of the 20th century religious architecture

María Diéguez Melo · Universidad Nacional de Educación a Distancia. Zamora (España)


RESUMEN La fuertemente simbólica planta central se ha utilizado en la historia de la arquitectura cristiana para determinados tipos de espacios, especialmente aquellos con sentido bautismal o funerario. En la primera mitad del siglo XX, la creciente valoración de la asamblea de los fieles orientó hacia propuestas centralizadas tanto en el mundo protestante (Taut, Hablik, Bartning) como en el ámbito católico (Böhm, Schwarz). En el presente texto se analizarán las propuestas teóricas de Otto Bartning (Vom Neuen Kirchbau, 1919) y Rudolf Schwarz (Von Bau der Kirche, 1937) y su influencia en las construcciones coetáneas, así como el planteamiento de la planta central (Saarinen, Niemeyer, Candela, Chávez de la Mora, Botta, Gibberd) y la disposición central de la asamblea (estética neocatecumenal, Communio-Räume) como propuesta de renovación para la arquitectura religiosa del siglo XX.

PALABRAS CLAVE Arquitectura religiosa contemporánea, arquitectura protestante, planta central, asamblea.


ABSTRACT The strongly symbolic central plan has been used in the history of Christian architecture for certain types of spaces, especially those with a baptismal or funerary meaning. In the first half of the 20th century, the increasing appreciation of the assembly oriented towards centralized proposals in the Protestant world (Taut, Hablik, Bartning) and also in the Catholic area (Böhm, Schwarz). In this paper we will analyze the theoretical proposals of Otto Bartning (Vom Neuen Kirchbau, 1919) and Rudolf Schwarz (Von Bau der Kirche, 1937) and their influence on contemporary constructions, as well as the approach of the central plan (Saarinen, Niemeyer, Candela, Chavez de la Mora, Botta, Gibberd) and the central provision of the assembly (Neocatechumenal aesthetic, Communio-Räume) as a proposal of renovation for the religious architecture of the twentieth century.

KEYWORDS Religious Comtemporary Architecture, Protestant Architecture, Central Plan, Assembly.

 


María Diéguez Melo es doctora en Historia del Arte por la Universidad de Salamanca (España, 2015), completando su formación con un Posgrado en Políticas Culturales y Gestión Cultural por la Universidad Autónoma Metropolitana (México, 2008).
Profesora asociada del Dpto. de Historia del Arte-Bellas Artes de la Universidad de Salamanca y Profesor-Tutor con venia docendi de la UNED en el área de Historia del Arte.
Miembro del Observatorio Iberoamericano de Arquitectura Religiosa Contemporánea y del GIR "Arte, arquitectura, urbanismo e ingeniería (siglos XIX-XXI)", sus líneas de
investigación principales se centran en la arquitectura religiosa contemporánea, la estética neocatecumenal, la recuperación de la figuración iconográfica en el arte sacro actual y arte colonial mexicano.

 

Fondamentazione dell fatto educativo in Romano Guardini

di: Prof. Rafael Fayos Febrer

L’opera di Romano Guardini abbraccia l’ambito della teologia, quello dell’antropologia filosofica, l’interpretazione letteraria, l’etica ed anche quello della pedagogia. Questa ultima è stata studiata e sviluppata fondamentalmente in Italia per il Professore Carlo Maria Fedeli. In lingua spagnola, il pensiero e l’opera di López Quintás creo sia  un’applicazione molto feconda di tanti principi educativi di Romano Guardini che hanno trovato acoglienza in centri come l’Università Francisco di Vitoria. Tuttavia, credo che ancora esistano aree per esplorare, come è il caso della fondazione antropologica del fatto educativo o il riscontro o paragone dei risultati del professore Fedeli coi ritrovamenti del professore López Quintás. Il lavoro che presentiamo è il primo passo in una nuova linea di investigazione che abbiamo aperto nell’Università CEU Cardinale Herrera di Valencia. Si tenta di indagare nella fondazione antropologica del fatto educativo in autori personalisti. Tra essi si trova Romano Guardini. In questa indagine ci siamo proporsi, in quello che si riferisce a Guardini, giustificare in primo luogo la sua presenza nella pedagogia. Certo che nell’autore che c’occupa  é stata studiata la sua relazione col Quickborn movimento giovanile tedesco da primi anni del secolo scorso, pero per molti, e soprattutto nell’area di lingua spagnola, nonostante i lavori del professore López Quintás, non se conoscono i suoi scriti  di fondazione dell’educazione. Ecco il nostro interesse nell saggio Fondamenti di una teoria pedagogica, che non é stata tradotta allo spagnolo, e della necessità di approfondire ne essa. A partire del concetto  chiave che guida il sistema filosofico guardiniano, la oposizione polare (Der Gegensatz), abbiamo cercato di analizzare l’origine del fatto educativo e l’oggetto della scienza pedagógica.


El Profesor Rafael Fayos Febrer (1969-España) es Licenciado y Doctor en Filosofía por el Ateneo Pontificio Regina Apostolorum de Roma con la tesis titulada “Verdad y realismo en la obrade Karl Raimund Popper” (Dic. 2001). Además, posee el título de Master en Bioética (julio 2014) por la Universidad Católica de Valencia. En 1999 empezó su trayectoria académica como docente e investigador en la Universidad Francisco de Vitoria (Pozuelo de Alarcón – Madrid) y en octubre del 2002 pasó a formar parte de la Universidad CEU Cardenal Herrera (Valencia). Actualmente imparte allí la asignatura de Antropología filosófica en los grados de Veterinaria, Dirección de Empresas, Marketing, Derecho y Magisterio. Es autor de una treintena de publicaciones sobre Karl Popper y Romano Guardini. Es secretario de la Revista Quién. Revista de filosofía personalista (ISSN 2443-872X) y es Vicepresidente de la Asociación Española de Personalismo. Ha sido Vicerrector de Alumnos de la Universidad CEU Cardenal Herrera y durante 4 años secretario del Departamento de Humanidades.

 

“Yes” – A Remarkable Response to Cultural Change

“Sí” – Una notable respuesta al cambio cultural

di: Gabriel Von Wendt (Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, Roma, Italia. E-mail: [email protected])

The article analyzes six reasons why Guardini says yes to the phenomenon of cultural change in spite of his evident reluctance regarding the particular direction of contemporary changes. The analysis focuses on his attitude insofar as it contrasts with widespread mind-sets of his time: isolation, romanticism, conservatism, fundamentalism, formalism and idealism. In the first section, the article shows that Guardini’s yes is moved by the will to engage in the culture rather than isolate from it. Second, this engagement necessarily regards the real culture such as it surrounds him without romantic projection. Third, Guardini maintains an open attitude regarding change instead of seeking to preserve culture at all costs. In the fourth section, the article shows how Guardini distinguishes between cul- ture and religion, thus avoiding falling into fundamentalism. As a fifth cha- racteristic of his attitude, the study elaborates on Guardini’s acknowledge- ment of the diverse potential of cultures, which allowed him to steer clear of the formalism in radical humanism. Lastly, the sixth section, describes how Guardini bases his attitude more than anything on the conviction that the ultimate fulfilment of human existence (in stark contrast to an idealist vision of culture) is not to be found in culture, which is why the specific cultural form plays no more than a relative role in human happiness.

Keywords: Romano Guardini, Culture, Worldview, Polar Oppositions, Encounter.

Resumen: El artículo analiza seis razones por las cuales Romano Guardini dice sí al fenómeno del cambio cultural, a pesar de su evi- dente reserva frente a la dirección de los cambios contemporáneos. El análisis se enfoca primariamente en su actitud que contrastaba con las mentalidades frecuentemente adoptadas en su época: aislamiento, romanticismo, conservatismo, fundamentalismo, formalismo e idealis- mo. En primer lugar, el sí de Guardini es motivado por la voluntad de compromiso con la cultura, en vez del aislamiento. Segundo, este com- promiso necesariamente considera la cultura que le envuelve realmen- te, en vez de darse a proyecciones románticas. En tercer lugar, se ve que Guardini mantiene una actitud abierta acerca del cambio, en vez de buscar conservar la cultura a toda costa. En la cuarta sección, se verá cómo Guardini distingue entre cultura y religión, evitando caer en el fundamentalismo. Como quinto elemento, se muestra que Guardini reconoce el potencial presente en la diversidad de las diversas cultu- ras, esquivando el formalismo de un humanismo radical. Finalmente, en la sexta sección se muestra que el autor basa su actitud en la convic- ción de que la perfección última de la existencia humana –a diferencia de una visión idealista de la cultura– no se alcanza solamente gracias a la cultura y que, por ello, la forma cultural específica no tiene sino un papel relativo para la felicidad del hombre.

Palabras clave: Romano Guardini, cultura, cosmovisión, oposición polar, encuentro.


Gabriel von Wendt is Assistant Professor at the Philosophy Department of the Pontifical Athenaeum Regina Apostolorum. His research in focused on the thought of Romano Guardini. Inspired by the intellectual, pedagogical, and pastoral work of that author, von Wendt co-founded the Catholic Worldview Fellowship, a month-long study-abroad program which forms, networks, and empowers talented College students to evangelize culture.

Gabriel von Wendt is a member of the Religious Congregation Legionaries of Christ. After concluding his priestly formation, which entailed bachelor degrees in philosophy and theology, and the licentiate in philosophy, he currently works on his doctoral thesis in philosophical anthropology. He will be ordained a priest in May 2019.

 

Good, Truth and Being: The Ethical Thought of Romano Guardini

di: Jakub Rajcani
in Studies in Christian Ethics 29 (4/2016), 424-436

In this article, I present one view of Guardini’s ethics, to which he dedicated his late academic life. Christian ethics for Guardini is only a natural consequence of the whole Christian existence and thus unique. Therefore, it is fundamentally a christocentric ethics, yet it affirms the being of man as creature and hence it is also realistic. It is indeed based on the nature of man, but not natural in the biological sense. I focus on the interpretation of the good that is never in Guardini’s eyes a mere concept, but objectively existing and concrete. I point out that ethics is always connected with the personal dimension, that man’s doing is radically a working-with-God, and that in and through action man grasps and perfects himself. Christian ethics is a participation in Christ’s properties and conformity to him, who is the personal and living norm of the new life.


Born in 1983 in Slovakia. Catholic priest and member of the Society of the Divine Word (SVD). M.A. in Christian thought at the Nanzan University in Nagoya, with a thesis on the notion of “happiness” in Meister Eckhart (2011). Doctorate in moral theology (2015) at Accademia Alfonsiana in Rome with a dissertation on the polarity between “identity” and “action” within the Christian existence in the light of the thought of Romano Guardini. After returning to Japan, from the Fall semester 2016 on teaching as associate professor for Christian ethics at the Department of Christian Studies, Faculty of Humanities of Nanzan University. Subject in charge: Fundamental moral theology, Special moral theology, Human dignity from the viewpoint of sexuality and marriage, Introduction to Christianity, Introduction to religion etc. (Per le ulteriori informazioni si veda https://nanzan-u.academia.edu/JakubRajcani)

 

Die metaphysische Betrachtung bei Bonaventura von Bagnoregio

di: Dr. Roberto Vinco
in Rivista di Filosofia Neo-Scolastica, 4 (2017), pp. 869-878.

Ziel dieses Aufsatzes ist es, eine Analyse der metaphysischen Betrachtung bei Bonaventura zu bieten. Ich werde zunächst zeigen, dass der Referenzpunkt dieser Betrachtung das »veritative Sein« ist, in dem beide fundamentalen Momente der Metaphysik (Ontologie und Theologie) konvergieren. Die Natur und die Implikationen dieser Perspektive werden vor allem anhand einer Auseinandersetzung mit der Parmenideischen Seinskonzeption herausgearbeitet. Dabei soll gezeigt werden, dass Bonaventura einerseits eine Parmenideische Auffassung vertritt, nach der das reine Sein unmittelbar erfasst wird, dass aber andererseits diese Seinsanschauung, im Gegensatz zu derjenigen des Parmenides, auch die Rettung der Phänomene impliziert.

In this paper I shall present some observations on the metaphysical view according to the doctrine of Saint Bonaventure. First, I will show that the fundamental reference of this view is the so-called «veritative being» in which the ontological and the theological dimensions of metaphysics are unified. In order to explicate the meaning of this conception, I will then compare it with the one developed by Parmenides. The picture that emerges is one according to which metaphysics is to be conceived not so much as an inferential dynamic, but as the explication of the intuited pure Being. The Bonaventurian view differentiates itself however from the Parmenideian one, since the disclosure of this fundamental intuition does not imply the exclusion of the phenomenal world, but rather its foundation.


Dr. Roberto Vinco, Studio (Lettere e Filosofia) presso l’Università Cattolica del Sacro cuore.
2007 Dottorato in Filosofia presso la Eberhard Karls Universität Tübingen. Tema: Unterwegs zur ontologischen Wahrheit. Hegelsche Elemente in der Fundamentalontologie Heideggers in Bezug auf das Thema “Wahrheit”.
2008 – 2009 Progetto di ricerca sulla Metafisica di Meister Eckhart (Postdoc) presso la Eberhard Karls Universität Tübingen e il Medieval Institute della University of Notre Dame (Visiting Scholar).
2010-14 „Wissenschaftlicher Mitarbeiter“ presso il Dipartimento di Filosofia della Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg.
Dal 2014 „Akademischer Rat auf Zeit“ presso la Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg.

Area di ricerca
In ambito sistematico: Filosofia della religione e metafisica
In ambito storico: Filosofia scolastica del XIII e XIV secolo (in particolare Meister Eckhart, S. Bonaventura e S. Tommaso d’Aquino) e filosofia classica tedesca (in particolare Hegel e Heidegger).

 

Analogie tra le virtù in R. Guardini ed in S. Tommaso

di: Antonio Sacco

Nell’epoca moderna la guida dell’azione morale non è più legata alla presenza delle virtù nel soggetto ma alla componente razionale universalizzante. Il lavoro di Max Scheler, La riabilitazione delle virtù che viene segnalato come fondamentale sia nell’ Etica (E 316; E 1096), nel trattare delle virtù in sé e dell’etica cristiana, sia nelle Virtù (V 11), all’inizio del testo, mostra la consapevolezza di Guardini in merito e propone un’etica del soggetto: della prima persona. – Il legame tra le virtù e l’etica

Esiste un nesso profondo tra le Virtù (Tugenden) e l’impostazione generale della morale che è espressa nell’ Etica, il testo redatto dalle lezioni universitarie di Guardini a Monaco. L’analisi delle virtù si arricchisce di uno sguardo più completo.. [Read more]



Nato a Torino il 8 /11/ 1968

Mail: [email protected]
Presbitero della Arcidiocesi di Torino ordinato il 26 giugno 2004.
Vicerettore del Seminario Maggiore dell’Arcidiocesi di Torino.

Studi accademici
Laurea in Economia e Commercio, conseguita presso la Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Torino.
Licenza in Teologia morale ad indirizzo sociale, conseguita presso il Biennio di Specializzazione in Teologia Morale, Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, sezione parallela di Torino nel marzo 2011. Tesi dal titolo: «Il principio di sussidiarietà nel suo percorso storico: dalla Quadragesimo anno all’oggi». (non pubblicata)
Dottorato in Teologia conseguito presso la Pontificia Università S. Tommaso-Angelicum in Roma nel giugno 2015.
Titolo della tesi di dottorato, pubblicata marzo 2017: Antonio Sacco, La giustizia come virtù, Effatà, Cantalupa (TO) 2017.
Docente di teologia morale fondamentale; Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale – Sezione parallela di Torino, dal 2014.
Docente di teologia morale fondamentale; Biennio di Licenza in Morale Sociale – Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale – Sezione parallela di Torino, dal 2018.

 

Tra forma, formazione e promessa – La pedagogia dell’immagine di Romano Guardini

di: Yvonne Dohna Schlobitten

Guardini è stato un pensatore poliedrico che ha esplorato numerosi ambiti di ricerca e si è collocato in diverse prospettive di analisi. L’attenzione al mondo delle arti e alle questioni estetiche è sempre stata costante nella ricerca del filosofo-teologo italo-tedesco. È difficile collocare in una sola direzione il senso sia dell’arte che della riflessione estetica, all’interno del pensiero guardiniano, poiché esse sono inserite in molti contesti, da quello liturgico a quello spirituale, da quello pedagogico a quello etico. Da una parte l’estetica di Guardini si radica nella sua metodologia e visione di fondo (Der Gegensatz) che vengono applicate anche su temi come l’opera d’arte e le immagini, dall’altra possiamo ritrovare degli sviluppi specifici dell’antropologia e, soprattutto, della pedagogia che assumono alcuni concetti estetici come centrali per la riflessione, ad esempio quello di forma (Gestalt).
Esplorando gli scritti di Guardini inerenti alla formazione (Bildung), in tutte le sue dimensioni (etica, politica, religiosa, liturgica, spirituale), è infatti possibile rintracciare gli elementi di una particolare pedagogia dell’immagine (Bild). Si tratta di un punto di osservazione del contributo di Guardini che aiuta a comprendere la sua concezione dell’opera d’arte, dell’immagine in particolare, e del loro rapporto con la persona nel suo cammino di costruzione e auto-costruzione (Selbstbildung).
Se il rapporto tra forma e formazione è un tema abbastanza frequentato, la particolarità del contributo di Guardini emerge soprattutto nell’approfondimento di altre prospettive di comprensione come quella della promessa e di una pedagogia dell’immagine che ha come nucleo la limpidezza dello sguardo (Lauterkeit des Blicks). Il contributo intende, dunque, sviluppare tali tematiche che risultano attualmente ancora poco indagate in modo sistematico all’interno dell’opera di Guardini. [Read more]



Dr. Phil. Yvonne zu Dohna Schlobitten

Prof. ssa Incaricata Associata
Nata: Fouquet
Pontificia Università Gregoriana (PUG)
Facoltà di Storia e Beni Culturali della Chiesa. Dipartimento dei Beni Culturali della Chiesa
Piazza della Pilotta, 4 – 00187 Roma (Italia) – Ufficio: T 508 – tel. +39.06.67015195, E-mail: [email protected]

Yvonne Dohna zu Schlobitten è docente di storia e filosofia della spiritualità dell’arte presso la Pontificia Università Gregoriana, specializzata nel rapporto fra dimensione estetica ed esperienza spirituale per la formazione della identità religiosa, in modo specifico per quanto riguarda la teologia cattolica e protestante e la sua pedagogia. La prospettiva della sua ricerca è volta a considerare l’esperienza estetica come elemento imprescindibile per formulare una fenomenologia della dimensione spirituale, sperimentando questa dialettica, in chiave ermeneutica, soprattutto nel campo delle arti visive ed evidenziandone l’importanza nell’ambito della formazione.

 

Dar y recibir. La gratitud traducida en hospitalidad y cortesía

di: María Del Rocío Franco Jiménez

Este trabajo de investigación tiene como objeto presentar que toda persona puede practicar el valor de la generosidad (el puente de dar-recibir al que se refiere Guardini) fundamentado en la gracia y la libertad, a través del Encuentro la dispone a la gratitud y la vincula con la práctica de otras virtudes como la cortesía y la hospitalidad para crear comunidades.
La gracia y la libertad definen el estado del hombre ante la realidad, o asume el encuentro o lo niega.
Aceptar la alternativa de abrirse al encuentro y arriesgarse manifiesta la seguridad en sí mismo, así como la confianza en la protección del Ser Superior que le orienta a andar por un sendero acorde con sus posibilidades encaminado a la llamada que le hizo desde la creación respetando su libre albedrío, decía Guardini que “los encuentros se realizan, dentro del mundo, de las más diversas maneras, y culminan en las grandes aventuras de la entrega a un hombre, a una idea, a una empresa”… [Read more]



Académico

1997 Licenciatura en Contador Público. Instituto Tecnológico y de Estudios Superiores de Monterrey. Campus Ciudad de México
2005 Maestría en Sistemas Computacionales. Universidad La Salle. Campus México
2016 Doctorado en Humanidades. Universidad Anáhuac México. En Proceso de desarrollo de tesis doctoral.
Laboral
Desde 1999 en Petróleos Mexicanos (PEMEX) a la fecha, se ha desempeñado en diversos cargos y colaborado en proyectos, en diferentes áreas y Organismos Subsidiarios (Pemex Corporativo y Pemex Refinación):

  • Recursos Humanos
  • Relaciones Laborales
  • Tecnologías de Información
  • Finanzas y Presupuestos
  • Tesorería

 

La persona como vocación en Romano Guardini

di: Ana Bastidas Tinizaray

Resumen: La vocación para R. Guadini es la comunión libre de la persona con su Creador, a la luz de cuya relación la persona se conoce verdaderamente. Para Leonardo Polo la vocación es la persona misma, cuya existencia es la donación de un acto de ser coexistente destinado libremente a darse y que espera ser aceptado. La vocación es personal, novedad radical; sin embargo, su manifestación o estado de vida es según el tipo de comunidad que se forma. La comunidad básica es la familia desde donde se entiende las demás comunidades que forma cada vocación. [Read more]

Palabras clave: comunidad; coexistencia; libertad; estado de vida; aceptación; don


Ana Estefenía Bastidas Tinizaray
Fecha y Lugar de Nacimiento: Quito 28/10/1990
Nacionalidad: ecuatoriana
[email protected]

Formación Académica

  • Grado de Licenciado en Psicopedagogía, Septiembre 2011-Junio 2015. Universidad de
    los Hemisferios. Quito-Ecuador.
  • Asistente de coordinación y profesor Ayudante Departamento de Humanidades
    Universidad de los Hemisferios 2015-2016.
  • Máster en Filosofía Realidad, Conocimiento y Acción. Septiembre 2016-Junio 2017.
    Universidad de Navarra. Pamplona-España.
  • Candidata a Doctora en Filosofía. Septiembre 2017-2020. Director Juan Fernando
    Sellés Ph.D. Universidad de Navarra. Pamplona-España.

 

Umanesimo tecnologico: Una antropologia per il futuro dell’uomo. La visione profetica di Romano Guardini

di: Andrea Tomasi

Le conquiste tecnologiche della rete e della bioelettronica rendono attuali le intuizioni di Guardini, e ne mostrano la portata profetica. Il mutamento a cui assistiamo investe la concezione stessa della persona umana, non perché le macchine possano diventare simili all’uomo, ma perché la cultura tecnologica tende a ridurre l’uomo a corporeità meccanica o a immaterialità comunicativa, comprimendo la sua interiorità e modificando la sua percezione del mondo e di se stesso.

La tecnologia imprime l’impulso più forte ai cambiamenti sociali ed economici, ed anche l’evoluzione della cultura si alimenta della pervasività delle tecnologie e al tempo stesso richiede nuove realizzazioni tecnologiche.

Il contributo di riflessione muove dalle domande che Guardini pone nell’introduzione alla raccolta di saggi “Ansia per l’uomo”:  come garantire che le linee di sviluppo della scienza e della tecnologia corrano parallele a quelle della felicità umana? Come governare e coordinare il progresso tecnico e quello umano? L’opera dell’uomo potrebbe diventare autonoma e minacciare il futuro della persona umana?

Guardini sviluppa la sua opera affermando che “nonostante tutte le automazioni, l’essenziale, cioè l’ordinamento dell’esistenza, deve essere attuato dall’uomo stesso”.

E’ un richiamo alla responsabilità, al “giusto uso della potenza”. Un richiamo che Guardini accompagna con  il suo pensiero, che costituisce una vera e propria “pedagogia per l’uomo contemporaneo”.

L’intervento cerca di indagare da un punto di vista informatico, ma con forte interesse umanistico, la relazione tra reale e virtuale, tra naturale e artificiale, tra etica e tecnologia, per delineare un umanesimo tecnologico che preservi la dignità e la grandezza della persona umana in un mondo post-moderno in cui le tecnologie informatiche, della comunicazione e della robotica sembrano prevalere provocando una vera e propria mutazione antropologica.

In particolare i temi considerati vengono messi a confronto da un lato con le tendenze innovative della tecnologia, dall’altro con l’effetto prodotto su atteggiamenti umani essenziali: la capacità di comunicare e di entrare in relazione, la percezione di sé, l’attitudine a conoscere, a ricordare,  a ragionare, la dimensione spirituale e religiosa.

La capacità di interpretare lo sviluppo tecnologico è ostacolata dal fatto che chi legge con gli occhi dell’oggi le trasformazioni della società ne è allo stesso tempo parte integrante, coinvolto nella rapidità con cui i fenomeni si manifestano ed obbligano a cercare aggiornati paradigmi interpretativi.

La complessità delle novità tecnologiche richiede necessariamente un approccio multidisciplinare per approfondire i vari aspetti e cercare tra essi un nuovo punto di equilibrio: tra natura e cultura, tra responsabilità e libertà dell’uomo, tra potere e servizio.

Sono temi su cui il pensiero di Guardini si rivela per molti aspetti illuminante e chiarificatore.



Andrea Tomasi

Nato a Trento, vive e insegna all’ Università di Pisa.
Docente di Sistemi Informativi, Sistemi Informativi Territoriali, Progettazione di siti web. Dal 2017 anche docente del corso di Informatica per le Scienze Umane del Corso di Laurea Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione (Dipartimento di Cultura e Forme del Sapere).
Ha svolto attività di studio e diretto progetti di ricerca nell’ ambito dei sistemi informativi e delle applicazioni informatiche per la Pubblica Aministrazione, per i Beni Culturali e per il Turismo, per la tracciabilità di filiera e in applicazioni sanitarie.
Si interessa attualmente di analisi delle Reti Sociali e dello studio dei fenomeni culturali e delle problematiche educative connesse all’ uso delle reti sociali, delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni.
Membro del Consiglio direttivo di WECA – Associazione Web cattolici, collabora con il Servizio Informatico della C.E.I. dal 1991.

Pubblicazioni pertinenti:
A. Tomasi. Scientismo tecnologico e umanesimo moderno. Gruppo Universitari Cattolici di Pisa, 1981.
A. Tomasi. Informatica: tecnologia e cultura per il futuro dell’uomo. Rivista Il Margine, n.8, 1984
A. Tomasi. Nella rete della società dell’informazione, 55° Convegno Giovani, Cittadella di Assisi, 2000.
D. Caturegli, A. Tomasi. Tutti in rete (ed. Paoline, 2002).
A. Tomasi, Tecnologie web e ontologie: strumenti digitali per la conoscenza. In “Scienze informatiche e biologiche – Epistemologia e ontologia”, a cura di G. Cicchese et al., Città Nuova, 2011.
A. Tomasi. Comunicare ed educare: la generazione digitale. Atti del IX Forum del progetto Culturale. EDB, 2009.
A. Tomasi. “Scienza, tecnologie digitali e cultura della globalizzazione”. Atti del XI Forum del progetto Culturale. EDB, 2013.

A. Tomasi. Tecnologie digitali: problemi educativi. Pubblicato sul sito www.weca.it, gen. 2017.
A. Tomasi Reale e virtuale: un punto di vista informatico. Convegno Sefir “La realta’ supera la fantasia – scienziati, filosofi e teologi a confronto” 2018

 

Guardini educatore

di: Dott. Carlo M. Fedeli

Con il passare del tempo, la figura e l’opera di Romano Guardini si rivelano sempre più come uno dei momenti più intensi e profetici della storia dell’educazione nel Novecento. Questo saggio è concepito come una visione d’insieme, che introduce alla conoscenza, alla ricezione e al vaglio di un’esperienza educativa di proporzioni eccezionali, sviluppatasi per oltre cinquant’anni: un’esperienza della quale hanno potuto partecipare e fruire, prima in Germania, poi in Europa, varie generazioni di giovani – a cominciare da quelle che si sono affacciate alla vita e al mondo nei decenni più tragici e convulsi del secolo scorso.


 

Carlo M. Fedeli è ricercatore nell’Università di Torino, dove insegna Storia della pedagogia e Pedagogia generale. Studioso di Guardini da molti anni, ha curato la prima edizione in lingua italiana dei suoi principali scritti di pedagogia teoretica, ha ricostruito le radici della sua riflessione filosofica e pedagogica agli inizi della sua attività sacerdotale ed educativa, ha comparato la sua concezione dell’educazione come esperienza con quella, particolarmente significativa per la pedagogia del Novecento, di John Dewey.

 

 

Romano Guardini. Antinomia della vita e conoscenza affettiva

di: Massimo Borghesi


 

Massimo Borghesi è  professore ordinario di Filosofia morale presso il Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione, dell’Università di Perugia. Dal 1992 al 1996 è stato professore associato di Storia della filosofia morale presso la Facoltà di Magistero dell’Università di Lecce. E’ coordinatore del Consiglio del Corso di Laurea in Filosofia e Scienze tecniche psicologiche dell’Università di Perugia per il triennio 01-11-2017 – 31-10-2020.

E’ stato direttore, dal 2000 al 2002, della Cattedra Bonaventuriana presso la Pontificia Università Bonaventura di Roma.

Membro del consiglio scientifico delle  riviste Studium e Atlantide e consulente della rivista Humanitas. Revista de antropología y cultura della Pontificia Universidad Católica del Cile.

Fa parte del Comitato editoriale delle Edizioni Studium dove dirige la Collana  filosofica “Interpretazioni”. E’ stato membro, dal 1984 al 2002, della rivista Il Nuovo Areopago; dal 1984 al 2012 della rivista internazionale 30 Giorni; editorialista, dal 2005 al 2011, del quotidiano L’Eco di Bergamo. Pubblicista, scrive su numerose testate: Vatican insider, Terre d’America, Il Sussidiario.net. Questa sua attività è consegnata nel blog: www.massimoborghesi.com.

Relatore in molti convegni, in Italia e all’estero,  i suoi volumi sono tradotti in varie lingue.

Nel 2013 ha ricevuto il premio Capri-San Michele per il volume Augusto del Noce. La legittimazione critica del moderno edito da Marietti.

Iscriviti alla newsletter