Don Simone Barbieri

Don Simone Barbieri

Sin dagli albori dei miei primi studi teologici, è sempre stata forte in me la tensione verso la ricerca della Verità. Sono infinitamente grato al Signore, infatti, per avermi donato sin da principio la grazia di comprendere quanto importante fosse per la Santa Chiesa la carità intellettuale. E «fare la verità nella carità» – come  ci insegnava splendidamente l’allora Cardinal Ratzinger nella sua Omelia per la Missa pro eligendo Romano Pontefice – è la «formula  fondamentale dell’esistenza cristiana. In Cristo, coincidono Verità e Carità. Nella misura in cui avviciniamo a Cristo, anche nella nostra vita, Verità e Carità si fondono. La Carità senza Verità sarebbe cieca; la Verità senza Carità sarebbe come “un cembalo che tintinna” (1 Cor 13,1)».

Sono così grato al mio Vescovo per avermi chiesto di perfezionare i miei studi a Roma presso la Facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, nella quale, sin dai primissimi giorni, mi sono sentito a casa. Sono grato, inoltre, all’Ateneo per questi due anni nei quali, grazie alla Sapienza e all’umanità dei professori, e della stessa isittuzione, ho potuto acquisire nuove competenze, che ora potrò ridonare a coloro a cui il Signore, per mezzo della Santa Chiesa, mi invierà.

Non desidero aspirare a cose troppo alte (cf Rm 12,16), ma so soltanto che grazie alla preparazione ricevuta potrò contribuire un poco, nelle diverse circostanze cui il ministero sacerdotale mi chiamerà, alla formazione delle coscienze su temi oggigiorno di grande attualità e talvolta molto delicati. In quest’anno accademico, per il momento affiancherò il professore di bioetica presso il nostro Studio Teologico Interdiocesano, e, nella mia diocesi, invece, sarò chiamato a tenere un corso per insegnanti di religione e chiunque altro voglia parteciparvi sui temi più attuali della bioetica. Spero, altresì di poter rimanere in contatto con tutte le anime belle incontrate in circostanze accademiche e con le quali sono nate, nel comune anelito verso la Verità che è Cristo, splendide amicizie.

Iscriviti alla newsletter