Joseph Ratzinger e i Luterani, storia di un rapporto

Joseph Ratzinger e i Luterani, storia di un rapporto

Conferenza tenuta il 5 aprile 2017 presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.

Il 500esimo anniversario della cosiddetta riforma protestante si presenta oggi alquanto ambiguo. Cosa dobbiamo pensare della teologia luterana o addirittura di Lutero? Quali intenzioni hanno spinto Martin Luther a distaccarsi dalla Chiesa cattolica? Era tutto dovuto a certi malintesi? Di più, quale metodo si dovrebbe scegliere per capire il nucleo del problema con riguardo alla riforma? Un approccio storico o teologico, un approccio sociologico o consensuale? In mezzo a tante opinioni, pubblicazioni e congressi, che spesso hanno aumentato la confusione, può essere una scelta saggia consultare uno dei pensatori più illustri del nostro tempo, per trovare un orientamento: il teologo Joseph Ratzinger.

Alcune considerazioni preliminari:

Prima di entrare nella tematica è opportuno menzionare alcune caratteristiche della teologia di Joseph Ratzinger che possono illuminare anche il suo rapporto con i Luterani. La vita del teologo tedesco – e la sua ricerca teologica – sono segnati dal motto Cooperatores veritatis, collaboratori della verità. La sua tematica centrale è la ricerca su Dio, che è il punto di riferimento. Il cardinale lo spiega nel libro-intervista Il sale della terra: «Non ho mai cercato di creare un mio sistema, una mia particolare teologia […]. Il punto di partenza è anzitutto la parola: credere alla parola di Dio, cercare davvero di conoscerla e di comprenderla, e quindi pensare insieme con i grandi maestri della fede».

[Leggi di più]

di: Prof. P. Ralph Weimann L.C., Professore invitato presso la Facoltà di Teologia dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Membro del Nuovo Schülerkreis, il nuovo Circolo degli Allievi di Joseph Ratzinger.

Iscriviti alla newsletter
Leggi l'informativa