Maternità: valore sociale e diritto.

Maternità: valore sociale e diritto.

Il 10 maggio si è svolto nell’Ateneo Pontifiico Regina Apostolorum  all’interno della Settimana della Mamma , il Convegno, main event della Settimana, intitolato Maternità: Valore Sociale e Diritto.   È stato pensato come occasione per riflettere su come è cambiata la cultura e l’approccio alla maternità nei contesti lavorativi, e su quali sono le nuove opportunità imprenditoriali per le mamme che vogliono reinventarsi.

L’evento si è svolto  dalle ore 9:00 alle ore 13:10. E’ iniziato con i saluti di Adele Ercolano, Coordinatrice dell’Istituto di Studi Superiori sulla Donna che ha moderato l’incontro e di Marta Rodriguez, direttrice dell’Istituto di Studi Superiori sulla Donna e Responsabile della Sezione Donna del Dicastero per i Laici, Famiglia e Vita. Entrambe hanno evidenziato le caratteristiche di opportunità e di valore della maternità. Marta Rodríguez, in particolare, ha spiegato l’importanza dell’impegno di tutti nel promuovere le iniziative a sostegno della maternità facendo emergere la necessità di arrivare a concepire in ogni contesto la maternità come bene riconosciuto.
Il primo panel di introduzione al tema, è stato presentato dalla “l’innovazione organizzativa, leva per favorire il lavoro delle mamme”, trattato da Roberta Giodice, membro del Comitato direttivo di [email protected] e del Forum Nazionale delle Associazioni familiari del Lazio, che ha parlato di come l’adozione di pratiche che appoggiano la conciliazione tra famiglia e lavoro serva non solo per le donne che ne potranno trarre giovamento, ma per tutta l’azienda che vedrà migliorata la propria produttività.  Ornella Guglielmino, Dirigente dell’Area “Affari Generali” della Direzione regionale Lavoro della Regione Lazio, ha parlato di ”le politiche di conciliazione nella Regione Lazio” spiegando come la Regione stia lavorando su più fronti per favorire un’alternanza lavoro famiglia più rispettosa e sostenibile.

Emma Ciccarelli, Vice Presidente del Forum nazionale delle Associazioni familiari e membro del Comitato direttivo di [email protected], con la “responsabilità genitoriale come risorsa per il Paese”, ha voluto spiegare come maternità e paternità non debbano essere divise, cercando soprattutto un appoggio da delle politiche che alleggeriscano il carico familiare dal punto di vista fiscale, economico e sociale.

Infine, Cristina Bellucci, Responsabile del Coordinamento femminile Cisl di Roma e Rieti e membro del Comitato direttivo di [email protected], ha trattato il tema del “Welfare, servizi e buone pratiche a sostegno delle mamme” mostrando le iniziative della Cisl in favore della maternità.
Il secondo panel “Start Up innovative e sociali” è stato illustrato da Sabrina Fattori, commercialista membro del Comitati Pari Opportunità ODCEC di Roma e da Francesco Serventi, Fondatore di Croqqer Italia. Sabrina Fattori ha spiegato quali sono i requisiti che portano ad essere innovativa una start-up sociale e ha specificato quali sono i settori di azione per le start-up sociali. Francesco Serventi, ha presentato la sua Croqqer, una piattaforma digitale che favorisce gli scambi di tempo e di talenti in piccole comunità secondo tre forme: prestazioni a pagamento, scambi di servizi, aiuti pro bono. Sostiene così il lavoro, la conoscenza, la solidarietà e la valorizzazione delle capacità.
Il terzo e ultimo panel “L’importante è iniziare! Le nuove opportunità di business per le mamme” ha avuto la testimonianza di donne che hanno fondato App, come Maika Messalli di “OraX”, che mette in rete i genitori di una classe consentendo lo scambio di informazioni, l’organizzazione per l’accompagno dei figli e la conoscenza delle iniziative scolastiche, siti come “Mamme Care” introdotto dalla referente Silvia Gennari e l’applicazione “Baby Pit Stoppers” che segnalano le attività baby friendly, dotate di servizi per mamme e bambini sul territorio di Ostia il primo e nazionale il secondo, lavori alternativi come l’organizer con Francesca Pansadoro designer e Professional Organizer fondatrice di TuttoaPosto e il life coach di Ivana La pira Coach di Coaching2go. Sono intervenute inoltre e Giulia Lancellotti e Flavia Muzi Falcone di MyCupOfTea.
Tutto questo con l’obiettivo “mettere in luce le azioni per rendere il mondo organizzativo più inclusivo per le donne, soffermandosi sull’importanza della maternità come diritto di tutte le lavoratrici”.

Iscriviti alla newsletter