Sesso sbagliato. C’é uno spread sui temi etici.

Sesso sbagliato. C’é uno spread sui temi etici.

Andiamo a ritroso. Partiamo da venerdì 24 e sabato 25 febbraio. La notizia è di quelle che accappona la pelle ma è purtroppo vera. Da oltremanica arriva l’inchiesta choc del Daily Telegraph. In alcune cliniche del Regno Unito si effettuano aborti selettivi. La notizia è ripresa dai nostri Avvenire, Il Fatto Quotidiano e Il Giornale che riportano con più dettagli l’inchiesta dei reporter del Daily i quali hanno potuto documentare, in tre casi su nove, la compiacenza dei medici di far abortire alcune donne scontente del sesso della loro nascitura. Sulle rivelazioni del Telegraph il governo britannico ha aperto un’inchiesta. Adesso l’Inghilterra come denuncia da molti mesi Giuliano Ferrara, è più vicina alle politiche di genocidio della Cina.

Giovedì 23 l’inserto bioetico di Avvenire, E’ Vita, ritorna sulla campagna del candidato socialista alle presidenziali francesi, Francois Hollande. Dopo la sparata della scorsa settimana sul diritto illimitato all’eutanasia, questa volta Le Figaro riporta la volontà di Hollande di cambiare anche la legge sulle embrionali. “In fondo – dichiara – una cellula staminale embrionale non è un embrione”. Povero Angelo Serra, lui sì si commuoveva quando parlava della distruzione degli embrioni umani.

Venerdì 24. Sul Corriere, a margine del suo articolo sul divorzio breve, due righe conclusive di M. Antonietta Calabrò su un evento della fondazione Magna Carta da tenere sottocchio, titolo: “I Cattolici e il bipolarismo”. Al centro della riflessioni “i valori non negoziabili” e la ripresa dell’agenda bioetica dopo Todi. Fra gli interventi più interessanti quelli di Luigi Amicone, Francesco D’Agostino, Maurizio Sacconi, Eugenia Roccella e Assuntina Morresi.

Sabato 25. Ancora Rai nella bufera. E non solo per la clausola antigravidanza. Su il Giornale Nicola Porro commenta la sparata anti-gay di Lucia Annunziata al programma di Santoro Servizio pubblico “Starei dalla parte di Adriano Celentano anche se dicesse che i gay vanno sterminati”. Questa la sparata. Blog impazziti e gay infuriati. Come rimediare ? Nessun problema. Il prossimo 4 marzo la Lucy li inviterà in trasmissione, sì ma dove ? Ma naturalmente nella tanto vilipesa e ricca mamma Rai. Ogni media esprime il suo livello di civiltà. E chiudiamo con la morte di Dulbecco. Lo scienziato che nel 1986 propose al mondo la realizzazione del Progetto Genoma umano.

Sul Corriere del 21. (pag. 33) Eldorado Boncinelli si limita a un ricordo il più strettamente biografico mentre su Repubblica il solito Umberto Veronesi ( pag. 65) ne ricorda l’amico, l’opera e soprattutto la fede “che non ha mai cercato di imporre e per questo è da considerare paladino della libertà di pensiero e di ricerca scientifica”. “Peccato – scrive precisando Enrico Negretti su Avvenire ( pag. 25) – che quella fede e libertà di pensiero sui temi bioetici fosse un po’ troppo liberale o “liberal”.


Antonello Cavallotto

Iscriviti alla newsletter