Silenzio. Parla il Gran Maestro. preti giornalisti e massoni? E intanto piccoli Mendel crescono

Silenzio. Parla il Gran Maestro. preti giornalisti e massoni? E intanto piccoli Mendel crescono

13 gennaio. Stamina. Nelle pieghe del dolore, crescono i nuovi stregoni della dis-informazione. Uno stillicidio di notizie, “carte”, denunce. Nuovi comitati scientifici e nuove commissioni d’inchiesta. Pro e contro Vannoni. Sul caso Stamina molta magistratura e poca chiarezza di certo molto poca e corretta informazione scientifica (Su tutti, leggi L’Unità, Se la magistratura prende il posto della scienza, di Donata Lenzi, p.13)

15.1 Cannabis e homovox. Sul Foglio, il noto sondaggista Renato Mannheimer ci dice che nel loro insieme gli italiani sono per la concessione di diritti alle coppie di fatto. Una spaccatura si ha invece per le unioni tra omosessuali. A noi italiani non sembra gradito sentire parlare di “matrimonio” e adozione gay. Esse suscitano contrarietà e rifiuto da parte di un buon 80 per cento siano gli intervistati cattolici o meno, di destra o di sinistra. Anche sulla cannabis due terzi si dichiarano contrari. Niente male, qualche volta proprio un bel sondaggio. R. Mannheimer. Si fa presto a dire coppie di fatto, p. 15 .

Lunedì 20. Antonio Binni, nuovo Gran maestro della Gran Loggia d’Italia, intervistato da Alberto Di Majo sul Tempo, la spara grossa e rivela: Tra i nostri iscritti preti e giornalisti. Io ad esempio sono stato iniziato da un tipografo. Non dubitavamo. Ma i preti, Gran Maestro, i preti ? fuori le tessere. risposta. Non discutiamo ma né di politica né di religione. E allora ? Caro Binni più serio il Grande Oriente almeno lì il Gran Maestro non parla a vanvera. Leggi l’intervista di A. Di Majo su: Il Tempo, Preti e giornalisti tv. Così cresce la massoneria, p.6.
Infine piccoli Mendel crescono E’ alla sua seconda edizione. E adesso fanno paura. Sono gli scienziati in tonaca. Partiti in sordina lo scorso anno a Verona, la triade Agnoli, Pennetta , Bartelloni si gemma in tutta Italia e sdogana il mito di una scienza atea e a-religiosa. Obiettivo: ricordare al grande pubblico attraverso convegni e conferenza che la storia delle scienze è invece piena di monaci sacerdoti e scienziati, virgole, credenti. Dal 7 febbraio al 29 marzo, da Rovereto a Brindisi passando per il Centro Nazionale di Ricerche di Roma, adesso sarà Dio a parlare agli uomini di Scienza.

di Antonello Cavallotto

Iscriviti alla newsletter