15 Settembre: Trent’anni di Ateneo

15 Settembre: Trent’anni di Ateneo

Roma, 15 settembre 2023

 

 

Cari membri della comunità accademica,

ho il piacere di darvi il benvenuto all’inizio dei lavori dell’anno accademico 2023-2024, un anno particolarmente significativo poiché avvia le celebrazioni del trentesimo anniversario del nostro Ateneo, istituito il 15 settembre 1993. Questo anniversario è un’occasione per riflettere e far tesoro del nostro passato e un’opportunità per guardare con speranza al futuro, consapevoli del nostro ruolo nella missione della Chiesa.

L’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA), sin dalla fondazione, ha abbracciato la sua identità. Siamo eredi di una grande tradizione di pensiero e cultura che affonda le sue radici nella fede in Gesù Cristo e nell’insegnamento della Chiesa. Questa identità ci impone la responsabilità di essere portatori di una ricchezza sapienziale che è preziosa non solo per noi stessi, ma per l’intera umanità. La nostra missione è quella di contribuire al bene comune attraverso la ricerca, l’insegnamento e il servizio, sempre ispirati dalla fede e dalla Verità che è Cristo.

Nel corso di questi trent’anni, abbiamo abbracciato la nostra missione con impegno e passione. Ci impegniamo a formare persone in grado di incidere positivamente nell’evangelizzazione delle culture. Questo compito richiede una profonda preparazione accademica, e una forte radicazione nella spiritualità cristiana.

Siamo chiamati ad essere testimoni vivi della fede, della speranza e della carità, in modo da diffondere il pensiero cristiano nella società.

Vi invito a partecipare con entusiasmo a tutte le attività pianificate della nostra comunità. Ci tengo, inoltre, che prendiate a cuore l’avvenimento ecclesiale del Sinodo dei Vescovi che si svolgerà nel mese di ottobre, a Roma. Nello spirito del senso ecclesiale descritto nel nostro ideario, vi esorto a pregare affinché questo particolare evento porti frutti di unità e un nuovo impulso missionario a tutta la Chiesa.

Affidiamo il nostro cammino alla Vergine Addolorata. Maria, che ha seguito suo figlio Gesù fino alla Croce, ci insegna la fedeltà, la pazienza e l’amore incondizionato. Preghiamo perché Lei guidi i nostri passi e ci aiuti a vivere il nostro impegno in modo autentico e fruttuoso.

Vi auguro un anno accademico ricco di scoperte, crescita e realizzazioni. Che il nostro impegno possa portare luce e speranza nei cuori di coloro che incontriamo.

Vostro servitore in Cristo,

 

In Cristo Gesù

José Enrique Oyarzún,LC
Rettore
Professore Straordinario della facoltà di Teologia

Iscriviti alla newsletter
Leggi l'informativa