Neuroeconomia: una visione interdisciplinare dell’uomo nei processi decisionali

Neuroeconomia: una visione interdisciplinare dell’uomo nei processi decisionali

La Neuroeconomia è una nuova disciplina con punti di contatto tra la neurologia e l’economia, la cui evoluzione potrà aiutare a comprendere anche il ruolo delle emozioni nelle scelte umane e individuare quali aree e circuiti neurali siano coinvolti nelle decisioni economiche.

La Neuroeconomia è un settore della ricerca neuroscientifica di spiccato carattere interdisciplinare. Essa rappresenta il punto d’incontro tra l’economia cognitiva e sperimentale, le neuroscienze, la microeconomia, la psicologia, l’epistemologia e la filosofia della mente.

I contributi di tutte queste discipline, e altre ancora, saranno utili nel tempo per comprendere come il cervello elabori le decisioni e come esse siano influenzate dalle opzioni disponibili, dalla componente emotiva del comportamento, dal contesto nel quale le persone vivono, dalle interazioni con altri individui, e come il tutto incida sul sistema etico/valoriale personale e sociale.

Di questo si parlerà nel seminario “Neuroeconomia: una visione interdisciplinare dell’uomo nei processi decisionali”, che si terrà giovedì 14 ottobre 2010, alle 17.30, a Roma, presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (via degli Aldobrandeschi 190), con ingresso libero.

L’incontro è organizzato dall’Istituto di Scienza e Fede e dal Gruppo di Neurobioetica dello stesso Ateneo, insieme alla Cattedra UNESCO di Bioetica e Diritti Umani, in collaborazione con STOQ (Science, Theology and the Ontological Quest), The John Templeon Foundation e le Facoltà di Teologia e Filosofia del Regina Apostolorum.

Questo seminario sulla Neuroeconomia rappresenta, per il Gruppo di Neurobioetica, un’opportunità per riaffermare la propria missione di ricerca di forme di “integrazione” dei saperi e delle loro applicazioni, evidenziando anche i rischi di un possibile riduzionismo.

Le neuroscienze, complesse, affascinanti, dai risvolti etici a volte preoccupanti, hanno recentemente investito anche il settore dell’economia, nel tentativo di svelare i misteri di alcune inspiegabili decisioni individuali e collettive e, con esse, delle gravi crisi di sviluppo prodotte.

Aprirà il seminario, alle 17.30, il saluto e l’introduzione di Adriana Gini, Dirigente medico neuroradiologo, Azienda Ospedaliera San Camillo – Forlanini, e Coordinatrice del Gruppo di Neurobioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.

Interverranno: Padre Michael Ryan, LC, Professore Ordinario di Etica Sociale, Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (“La prudenza e la Neuroeconomia”), Tommaso Cozzi, Professore di Economia, Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e Università di Bari (“Decidere in Economia: un approccio integrato”), Francesco Orzi, Professore Ordinario di Neurologia, Università “La Sapienza” di Roma (“Speranze e illusioni del neuroimaging in Neuroeconomia”) e Alejando Cañadas, Assistant Professor of Economy, Mount St. Mary’s University, Emmitsburg, Maryland, USA (“Il modello bio-psico-sociale in Neuroeconomia”).

Per informazioni: tel. 06 66543913 – 06 66543934.
E-mail: [email protected][email protected] 
Il sito della Cattedra UNESCO di Bioetica e Diritti Umani è: www.unescobiochair.org stampa: i giornalisti possono rivolgersi a Carlo Climati, Responsabile ufficio stampa dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.

 

 

Iscriviti alla newsletter