Studenti dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, ordinati sacerdoti.

Studenti dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, ordinati sacerdoti.

foto gruppoIl Card. De Paolis ha ordinato 35 sacerdoti legionari di Cristo, molti di loro studenti dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Alla cerimonia celebrata il 13 dicembre nella Basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma, hanno preso parte circa duemila persone, familiari e amici dei nuovi sacerdoti. Ricordiamo le parole del Cardinale: “La vocazione è un dono per gli altri, per la Chiesa, per la salvezza del mondo”.

«L’ordinazione dei nuovi sacerdoti oggi è l’inizio di un rinnovato impegno apostolico»
   
Il Card. De Paolis ha ordinato 35 sacerdoti legionari di Cristo

“È il momento del raccolto dopo la lunga opera di seminagione” Nel corso di una messa che si svolta oggi nella Basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma, il cardinale Velasio De Paolis, C.S., ha ordinato 35 sacerdoti dei Legionari di Cristo. Alla cerimonia hanno preso parte circa duemila persone, tra familiari e amici dei nuovi sacerdoti.

sacerdoti 1 Nell’omelia, il Cardinale ha detto: «Le ordinazioni sacerdotali sono sempre motivo di fiducia nel futuro, di speranza». E ha aggiunto: «tanto più quest’anno segnano un momento di particolare e significativa importanza per la vita dello stesso istituto. In questi ultimi tre anni l’Istituto, seguendo le istruzioni e le direttive dello stesso Santo Padre, ha affrontato e percorso un cammino di verifica della sua storia e della sua vita». De Paolis ha ricordato ai novelli sacerdoti che il sacerdozio li introduce in un’intimità speciale con Gesù Cristo: «Il segreto più profondo di tale vocazione ci viene rivelato da Gesù stesso, particolarmente nel vangelo che abbiamo ascoltato. È lui che vi ha chiamati. Vi ha chiamati perché vi ha amati. La vostra è una vocazione all’amore, all’amore più grande, al dono della propria vita. È una vocazione all’amicizia con Gesù». Rivolgendosi agli ordinandi il Cardinale ha detto che la loro vocazione «È un dono per gli altri: per la Chiesa, per la salvezza del mondo». E ha detto anche che: «Carissimi giovani, oggi voi raggiungete la meta della vostra vocazione. Una meta sublime, altissima e ardua; impossibile per gli sforzi e le fatiche umane, per quanto anch’esse si richiedono e in modo impegnativo. […]Per voi è stata la decisione che avete maturato per tanti anni, davanti a Dio e alla vostra coscienza, aiutati dal consiglio dei vostri superiori e formatori, in lunghi e molteplici colloqui; nella preghiera assidua, per avere la luce necessaria e il conforto della forza dello Spirito Santo». Ha anche ringraziato i genitori, i formatori e coloro che con la preghiera hanno accompagnato i novelli sacerdoti fino ad arrivare a questo momento decisivo nella loro vita.

sacerdoti 2I nuovi sacerdoti I 35 nuovi sacerdoti provengono da 11 Paesi: Australia (1), Brasile (3), Colombia (3), Francia (1), Germania (1), Guatemala (1), Messico (12), Nuova Zelanda (2), Spagna (1), Stati Uniti (9), Ungheria (1). La maggior parte delle loro storie vocazionali si può leggere qui. La maggioranza dei novelli sacerdoti ha 40 anni, il più giovane 30. È anche la prima volta che sono ordinati sacerdoti nella stessa cerimonia tre Legionari originari dell’Oceania. 16 dei 35 novelli sacerdoti hanno iniziato il discernimento vocazionale nei centri vocazionali (seminari minori) della Legione di Cristo. Gli altri sono entrati direttamente nel noviziato dopo aver concluso gli studi superiori, negli anni di università o dopo aver avuto le prime esperienze di lavoro. Tra i novelli sacerdoti, P. Fredi Durán è il primo sacerdote legionario originario del Guatemala e svolge il suo ministero a Firenze; il P. Mauricio Ruiz (Colombia), ha scoperto la sua vocazione dopo l’esperienza nelle forze armate del suo Paese mentre studiava ingegneria. Adesso lavora a Valencia, Spagna; P. Manuel Reyes (Monterrey, Messico) è architetto e adesso anche cappellano dell’Università Anáhuac, a Puebla, dopo una luga esperienza pastorale a Palermo e a Roma; Simon Cleary (Nuova Zelanda) e Benjamin O’Loughlin (Estados Unidos), responsabili del progetto Music Inside U, una pagina web dedicata ai giovani, per approfondire il significato dei testi delle canzoni che vanno di moda; P. Carlos Padilla (Querétaro, Messico) è autore del libro Doce en la cancha (12 in campo) e lavora nella pastorale giovanile a Città del Messico; i brasiliani Alexandre Nunes e Antônio Dubena sono formatori dei seminaristi diocesani uno a Roma e l’altro in Brasile. P. Sergio Salcido (Hermosillo, México) è ingegnere chimico ed è statocollaboratore del Regnum Christi (volontario) prima di entrare nella Legione; attualmente lavora a Puebla.. P. Randall Meissen (Stati Uniti) è autore di diversi libri e sta preparando un dottorato in lingue classiche. P. Bruno do Spirito Santo (Brasile) è autore dell’antologia di poesie Parnaso sacro.

Iscriviti alla newsletter