Ideario

Ideario

 

  1. L’ideario esprime i principi e i valori che sono alla base del contributo specifico dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) alla missione evangelizzatrice della Chiesa nella società contemporanea.

Identità e Missione

  1. L’APRA è un’istituzione universitaria ecclesiastica promossa dalla Congregazione dei Legionari di Cristo, eretta canonicamente dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica il 15 settembre 1993; è regolata dalla Costituzione Apostolica Veritatis Gaudium (VG) e fa parte della rete di università della Legione di Cristo e del Movimento Regnum Christi, collaborando attivamente secondo il loro carisma nella missione comune di evangelizzazione.

 

  1. Come istituzione universitaria ecclesiastica, si dedica con rigore scientifico alla ricerca e all’insegnamento della Sacra Dottrina e delle scienze ad essa collegate (cfr. VG 2, §1), in costante dialogo con il mondo e la cultura contemporanea.

 

  1. La missione dell’APRA è: formare apostoli, leader cristiani – chierici e laici – al servizio della Chiesa per testimoniare il mistero di Cristo; creare, in piena comunione con il Magistero della Chiesa, correnti di pensiero che rispondano alle domande teoriche ed esistenziali dell’uomo e impregnino di spirito evangelico la società (cfr. Stat. Gen., art. 4 §3).

Valori istituzionali

  1. L’APRA si spira ai valori evangelici che sono alla base dell’umanesimo cristiano; illuminato da essi, ne propone alcuni che definiscono la sua fisionomia istituzionale e formano il quadro di riferimento delle sue attività.

Ricerca della verità

  1. L’APRA concepisce l’università come la casa dove si cerca la verità. Perciò la ricerca della verità è l’anima della investigazione e dell’insegnamento, la base dei programmi formativi e lo stimolo per promuovere il corretto uso della ragione.

Ricerca della sapienza

  1. La ricerca della verità culmina con la ricerca del senso ultimo e globale del sapere e della vita. Questo principio fa sì che nella ricerca e nella formazione sia sempre presente la tendenza all’unificazione del sapere; e che si promuova una visione sistematica e organica dei saperi in armonia con le necessarie specializzazioni.

 

  1. L’APRA favorisce positivamente l’interscambio dei saperi tra le diverse discipline, per acquisire una conoscenza sempre più integrale della realtà, sottolineando l’armonia umanizzante dello studio interdisciplinare (cfr. VG Proemio 4c).

 

  1. La ricerca della sapienza ha un forte orientamento esistenziale; perciò le conoscenze e le esperienze comunicate devono essere significative e in grado di rispondere agli interrogativi teorici ed esistenziali.

Armonia tra fede e ragione

  1. La ricerca della verità porta a riconoscere l’armonia tra la fede e la ragione. La ragione ha bisogno della fede per raggiungere le verità più alte e profonde. La fede, come atto umano, ha bisogno della ragione per comprendere la Rivelazione e per essere vissuta in modo maturo.

Senso ecclesiale

  1. Come istituzione accademica pontificia, l’APRA fa parte della comunità dei credenti in Cristo che professa e promuove la fede Cattolica e riconosce nel Magistero vivo l’interprete autentico della Parola Dio scritta o trasmessa (cfr. DV, 10) avendolo come punto di riferimento certo e sicuro in tutto quanto riguarda la fede e la morale.

Senso di missione

  1. Il senso di missione è l’anima dell’Ateneo. La ricerca, la docenza, la formazione degli studenti e i servizi professionali si orientano al compimento della comune missione di fare presente il mistero di Cristo nella società, imprimendo un’impronta cristiana nella cultura attuale, partendo dalla specificità di una istituzione accademica pontificia promossa dai Legionari di Cristo

La centralità della persona

  1. Il valore della persona, che scaturisce dal riconoscimento della sua dignità di creatura e di figlio di Dio, orienta l’operare dell’APRA. Tutte le attività dell’università riguardano e si riferiscono a persone concrete che l’istituzione è chiamata a servire.

 

  1. Porre la persona al centro implica riconoscere e promuovere lo sviluppo di ciascun individuo e la vita comunitaria, in un ambiente di dialogo aperto, di collaborazione, di accoglienza e di cordialità.

Formazione personalizzata

  1. Il riconoscimento e il rispetto dell’individualità irripetibile di ogni persona si traduce in un modello pedagogico in cui ogni studente è conosciuto, accolto e accompagnato nel suo disimpegno accademico e nella sua crescita, per favorire il raggiungimento della pienezza personale.

Formazione integrale

  1. La vita intellettuale si inquadra nello scenario più ampio della vita dell’uomo che si interroga su sé stesso, si relaziona con gli altri e cerca Dio. Quindi, nell’ambito della specificità accademica, l’APRA intende aiutare gli alunni a crescere in tutte le loro facoltà, cercando lo sviluppo armonico della persona nelle sue diverse dimensioni e contribuendo così al raggiungimento di una adeguata unità di vita.

Miglioramento continuo

  1. La formazione e crescita personale orientati al servizio generoso verso gli altri, implica una sana tensione verso l’eccellenza nella formazione accademica degli studenti, nella ricerca e nell’aggiornamento pedagogico dei docenti e dei programmi, così come nei servizi di segreteria e amministrativi, in uno spirito di collaborazione, di iniziativa, di servizio e di sana emulazione tra i membri della comunità.

Interculturalità

  1. I tesori delle varie culture umane svelano più appieno la natura stessa dell’uomo e aprono nuove vie verso la verità (cfr. GS 44). L’APRA è una comunità internazionale e interculturale inserita nel contesto della cattolicità di Roma città che promuove la conoscenza, la comprensione e l’armonizzazione delle diverse culture presenti nell’istituzione.

Dialogo con la cultura attuale

  1. I valori di perenne validità, per essere significativi, devono rispondere alle domande e alle inquietudini dell’uomo contemporaneo. Perciò l’APRA promuove il dialogo con la cultura attuale e l’attenzione alle correnti culturali e ai problemi che gravano sull’uomo della propria epoca.

 

Iscriviti alla newsletter