Corsi di aggiornamento in bioetica

Corsi di aggiornamento in bioetica

 I Corsi sono mutuati dall’offerta formativa del Ciclo di Licenza in Bioetica

 

Corsi in programma dal 14 al 16 Febbraio 2017

 

BIOO2104 Pro-life spirituality (1 Credito ECTS)           

Prof. Frank Pavone (in collaboration with Janet Morona)

President, Priests for Life

 The pro-life effort throughout the world is not simply a movement, cause, philosophy or political platform. It is a spirituality. This course explores why and how that is true. Defending the dignity of human life is an aspect of discipleship, not something added on to it. This course will show how the Gospel of Christ is indivisible from the Gospel of Life, and that this Gospel not only tells us why we defend life, but tells us how. The course will explore the virtues associated with — and necessary for — the defense of life, and will show how human reason and church teaching give a particular urgency and priority to defending the most defenseless, the children in the womb. The pro-life spirituality articulated in this course has been developed over the past 25 years by Fr. Frank Pavone and his team at Priests for Life, and is based in particular on the life, teachings, and example of two saints, Pope John Paul II and Mother Teresa of Calcutta.

Il corso si terrà il 14 e 15 febbraio dalle ore 15.00 alle ore 16.30 e il 16 febbraio dalle ore 12.15 alle ore 13.00 e dalle 15.00 alle 16.30

 

BIOO2097 Una riflessione sulla Gender-etica (1 Credito ECTS)

Prof. Renzo Puccetti

            Docente invitato. Specialista in Medicina Interna. Referente per l’area bioetica della società medico-cientifica interdisciplinare “Promed Galileo”, è membro della “Research Unit” dell’ “European Medical Association”.

La questione del gender nasce da molto lontano: dalle lotte per l’emancipazione femminile, con la critica alla società patriarcale. Prigioniere di regole di comportamento che circoscrivevano le loro funzioni sociali in ordine al compito di procreazione e custodia della famiglia, le donne del secondo dopoguerra, divenute per necessità protagoniste di compiti pubblici (ricostruzione politica ed economica della nazione), hanno cominciato a sviluppare una coscienza critica del proprio ruolo nella società, della percezione di sé e del proprio corpo prendendo coscienza di essere donne non solo dal punto di vista biologico ma anche secondo modelli dipendenti dalla cultura sociale e secondo una educazione funzionale ad una società governata da maschi. Nascono da qui una serie di rivendicazioni, quali l’uguaglianza sociale tra uomini e donne con parità di diritti e doveri, il riconoscimento di essere altro dall’ uomo ma soprattutto la presa di coscienza che l’identità sessuale non è un semplice dato biologico, ma un insieme di condizioni fisiche, ormonali e genetiche che vengono sperimentate e interpretate dentro un contesto storico-culturale. Emerge così l’elaborazione della categoria di gender, che riassume il complesso di condizioni in cui si genera l’identità sessuale e che, mettendo in discussione le semplificazioni maschio-femmina riferite esclusivamente al sesso biologico, fa dell’identità sessuale un processo dinamico e aperto che necessita di dinamiche di inclusione e non di esclusione per quei soggetti che non hanno una chiara identificazione biologica o percettiva della loro identità sessuale, nella convinzione che è la società che consente la costruzione dell’identità sessuale. Il sesso, dunque, non è più solo quello che ci identifica biologicamente (conformazione fisica, organi sessuali, caratteristiche ormonali, genetica cellulare) ma anche quello che viviamo e sperimentiamo nelle relazioni socialmente rilevanti.

Il corso si terrà il 14 e 15 febbraio dalle ore 15.00 alle ore 16.30 e il 16 febbraio dalle ore 12.15 alle ore 13.00 e dalle 15.00 alle 16.30

 

 Corsi in programma dal 6 al 8 Aprile 2017

 

BIOO2105 Il fondamento etico della biogiuridica (1 Credito ECTS)

Prof. Francesco D’Agostino

Ordinario di Filosofia del diritto e di Teoria generale del diritto presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata

Risulta piuttosto evidente la difficoltà di individuare in maniera precisa un confine tra etica e diritto, proprio perché non è ancora sufficientemente chiaro a quale titolo e in base a quali criteri il diritto sia legittimato ad intervenire nella specificità delle questioni bioetiche. Questa realtà ha indotto alcuni giuristi ad avanzare la proposta di creare un “biodiritto”: ossia un diritto applicato alla biologia e alla medicina, al quale, peraltro, vengono attribuiti significati diversi. La cultura giuridica del nostro tempo non ha più alcun criterio nemmeno per dare un fondamento intrinseco a un discorso giuridico che non voglia subordinarsi in modo aprioristico al discorso morale, o, se si riferisce, che vola procedere secondo una sua propria specifica morale. Di conseguenza per il diritto si pone un’alternativa radicale: “o proclamare l’incapacità di principio del diritto di sindacare questioni bioetiche o operare un radiale sforzo culturale, per verificare se esistano ragioni giuridiche fondamentali che autorizzino il diritto a imporre alla bioetica confini precisi”

Il corso si terrà il 6 e 7 aprile dalle ore 11.15 alle ore 13.00 e l’8 aprile dalle ore 10.30 alle ore 13.00

 

BIOO2105 Stem cell research scandal of Hwang: root causes and critiques (1 Credito ECTS)

Prof. Paul Lee

Professor, Graduate School for Life, Catholic University of Korea, Seoul, Korea

 Recently, science and biomedical research have shown tremendous development and achievement in exploring secret of the nature, and have given us much of improvement in medical practice and in treatment modalities and prolongation of human life. However, it also creates serious ethical problems and questions as well. Stem cell research is one of the fields among the recently highlighted biomedical research which calls upon our concerns and careful attention. Industrialization of medicine is considered to be one of the reason why medical profession has shown more interest in such new medical research including stem cell research rather than classical pattern of medical practice and medical research. An infamous case of so called “Hwang’s scandalous case in Stem Cell Research” is discussed in this class. This discussion offers a comprehensive review of Industrialization of Medicine and its effect on Medical Professionalism, stem cells research and its bioethical critiques.

 Il corso si terrà il 6 e 7 aprile dalle ore 11.15 alle ore 13.00 e l’8 aprile dalle ore 10.30 alle ore 13.00

 

 Corsi in programma dal 8 al 10 giugno 2017

  

BIOO2106 Pharmaceutical ethics (1 Credito ECTS)

Prof.ssa JenniferMiller

Professore Assistente Division of Medical Ethics Department of Population Health NYU Langone Medical Center. President, Bioethics International

 Although the field of bioethics has grown exponentially in the last forty years since the coining of the term by Potter in 1970, there remain significant knowledge gaps.  One noteworthy gap includes expanding the field of bioethics knowledge and practice to comprehensively and deeply address the ethical issues that arise in the global research and development of bio-pharmaceutical products and medicines.  These ethical challenges impact the world’s public health, patient wellbeing, survivability, and the human rights of research subjects worldwide. Howard Brody states that the research setting is ethically different from that of the traditional doctor-patient relationship setting, creating different ethical dangers from different directions which require ‘new ethical defenses’ to meet these challenges. It is thus of importance for the bioethics community to collaborate in the development of global biomedical ethical standards and implementation and assessment tools of such standards to address these ‘different’ ethical challenges facing bio-pharmaceutical companies. Three broad emerging and escalating trends, among others, increasingly challenge companies and raise ethical concerns by stakeholders:  (1) persistent gaps in ethics by bio-pharmaceutical companies and trust in the industry by stakeholders, (2) the growing globalization of the clinical research process, and (3) the profitability of healthcare creating potential conflicts of interest and temptations towards corruption.  This course aims to uniquely, in a comprehensive and multi-stakeholder manner, map, analyze and make recommendations regarding the critical perceptions of and policies, processes and principles guiding biomedical research ethics from drug birth to delivery for the bio-pharmaceutical industry.

Il corso si terrà l’8 e il 9 giugno dalle ore 11.15 alle ore 13.00 e il 10 giugno dalle ore 10.30 alle ore 13.00

  

BIOO2099 Disturbi della sessualità (1 Credito ECTS

P. Maurizio Faggioni, O.F.M.

Professore ordinario di bioetica presso la Accademia Alfonsiana in Roma.

 Uno dei gradi capitoli della anomalie sessuali è quello dei disturbi della identità di genere nel contesto dei quali il disturbo più caratteristico è costituito dal transessualismo. Si tratta di un quadro psicopatologico complesso che causa alla persona molta sofferenza e che presenta aspetti delicati sia dal punto di vista biomedico sia da quello etico. In questo Corso studieremo i principali aspetti clinici del transessualismo ed esamineremo i problemi etici connessi con la terapia di questa singolare condizione, nonché i suoi riflessi in campo canonico.

Il corso si terrà l’8 e il 9 giugno dalle ore 11.15 alle ore 13.00 e il 10 giugno dalle ore 10.30 alle ore 13.00

  

BIOO2102 Bioetica economica e delle organizzazioni (1 Credito ECTS)

            Prof. Tommaso Cozzi

Docente di discipline socio-economiche nell’ APRA.  Docente titolare di “Economia e Gestione delle Imprese” nella Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli studi di Bari

Il principio che regola il mondo economico è la scarsità di risorse. L’Economia Sanitaria si occupa del modo in cui i singoli individui e le società effettuano le loro scelte circa la quantità di risorse da destinare al settore sanitario, l’allocazione di tali risorse fra impieghi alternativi all’interno del settore sanitario e la distribuzione dei prodotti ottenuti fra gli individui appartenenti a una società. Oggi vi sono alcuni rischi come l’ importazione indiscriminata di modelli di analisi da altri settori economici; L’equilibrio per il bene del paziente e la salute del sistema prevede la collaborazione tra professionisti e istituzioni, l’equilibrio tra esigenze dell’organizzazione e specificità dei sanitari. Il Governo Clinico può essere inteso come: il sistema attraverso il quale le organizzazioni sanitarie si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dei servizi erogati e assicurano elevati livelli di assistenza realizzando un ambiente che favorisce l’espressione dell’eccellenza clinica” Quali le soluzioni percorribili? La cultura dell’organizzazione creare un ambiente favorevole al cambiamento e alla innovazione valorizzando le persone » orientare le attività verso il raggiungimento dei risultati senza “stressare” il controllo sull’esecuzione delle singole azioni » lavorare in gruppo verso obiettivi comuni condivisi » valorizzare la leadership dei dirigenti

Il corso si terrà l’8 e il 9 giugno dalle ore 11.15 alle ore 13.00 e il 10 giugno dalle ore 10.30 alle ore 13.00

 

ISCRIZIONE:

1-Iscrizione con rilascio dei crediti ECTS: 

Coloro che desiderano seguire un Corso e richiedere il rilascio del certificato accademico (per ottenere i crediti europei ECTS) dovranno compilare un apposito modulo di richiesta:

  • Compilare il Modulo di iscrizione Corso Uditore. (reperibile sul sito www.upra.org ) allegando:

o    Una fototessera

o    Una fotocopia del documento di identità o passaporto

  • In aggiunta, per gli studenti stranieri: Fotocopia del visto o del permesso di soggiorno(PDS) o della ricevuta per il suo rispettivo rinnovo (il PDS solo per candidati regolarmente soggiornanti in Italia
  • Consegnare o spedire la documentazione richiesta entro la data di inizio Corso a:

Segreteria Generale

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

Via degli Aldobrandeschi, 190

00163 Roma, Italia

Costo

Il costo per un singolo Corso è €100

Il pagamento può essere effettuato presso lo sportello dell’Amministrazione negli orari di attenzione al pubblico, oppure tramite bonifico bancario. La data limite per iscriversi ed effettuare il pagamento è  il primo giorno di inizio del Corso.

 

2-Iscrizione senza il rilascio dei crediti ECTS: 

Coloro che desiderano seguire il Corso e non intendono richiedere il rilascio del certificato accademico ne attestato di partecipazione dovranno compilare un apposito modulo di richiesta:

I Corsi sono gratuiti per coloro che non richiedono i crediti ECTS.

 

Le lezioni sono trasmesse in videoconferenza, in modalità interattiva, e si possono seguire on line.

Iscriviti alla newsletter